NUOVA CLASSIFICA DEL SOLE 24 ORE SULLA QUALITA’ DELLA VITA DIVISA PER FASCE DI ETA’ DELLE CITTA’ E PROVINCE ITALIANE. SVETTANO GENERALMENTE QUELLE DEL NORD, MALE IL SUD. LE CAMPANE TRA LE ULTIME 10 PER I BAMBINI

Qualità della vita divisa per fasce di età, bambini, giovani e anziani. Il Sole 24 Ore, introduce i tre nuovi indici per stabilire la graduatoria delle province italiane dove si vive meglio, e viceversa peggio, prendendo in esame 12 parametri per ciascuna categoria. Per i bambini, dalle scuole agli asili nido, servizi di pediatria, verde pubblico e attrezzato, strutture sportive, delitti denunciati ai danni di minori .

Per i giovani, scuole, università, grado di istruzione, tasso di disoccupazione, tasso di migrazione, imprenditorialità giovanile, luoghi di svago ed intrattenimento, dalla ristorazione alla musica allo sport , dati relativi ai matrimoni e al parto, canoni di affitto e locazione e il gap centro periferie. Per gli anziani, l’importo medio della pensione, l’aspettativa di vita,  la spesa per trasporto disabili e anziani,  per l’assistenza domiciliare, il consumo di farmaci, i servizi di geriatria, assistenza infermieristica e domiciliare, biblioteche, orti urbani, mortalità per malattie sistema nervoso, inquinamento acustico.

Il Rapporto 2021 del Sole, guarda naturalmente, anche alla capacità delle istituzioni, di porre in campo servizi per le tre tipologie di utenza. Il quadro che emerge, fatta l‘eccezione di Cagliari che ha all’attivo un ottimo servizio di pediatria, vede in generale, città del nord in testa alle tre classifiche e in fondo quelle meridionali. Per i bambini, infatti ,dietro il capoluogo sardo si piazzano Prato, Udine, Ravenna, Ferrara, mentre negli ultimi dieci posto si ritrova tutta la Campania, con Benevento, Avellino, Salerno, Napoli e Caserta insieme a Cosenza, Matera , Reggio Calabria, Catania e Foggia che è ultima.

Per quanto riguarda gli anziani, primeggia Trento, seguita da Rovigo, Cuneo, Ravenna e Belluno, in coda invece città importanti come Genoa, Taranto, Pescara, Barletta e soprattutto, a sorpresa, la capitale, Roma. La Campania, ritrova Salerno 92esima, Avellino 93esima, Benevento 98esima, Caserta 99esima e stavolta Napoli si piazza meglio delle altre al 71esimo posto. Riguardo ai giovani prima è Ravenna seguita da Bologna, Bolzano, Parma e Milano. In coda alla graduatoria mezza Sicilia con Palermo, Enna, Messina, Trapani e Agrigento. Le campane sono invece così posizionate, Caserta 43esima, Benevento 67esima, Salerno 62esima, Avellino 102esima, Napoli 103esima.

Rosario Naddeo

 

 

Lascia un commento