NUOVA ONDATA DI CALDO AFRICANO IN ARRIVO DA DOMANI MATTINA SU GRAN PARTE DEL’ITALIA. LA PROTEZIONE CIVILE DELLA CAMPANIA HA EMANATO UN’ALLERTA METEO PER ONDATE DI CALORE

La protezione civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di criticità per rischio Meteo da ondate di calore. A partire infatti  dalle 8 di domani mattina, mercoledì 7 luglio e fino alle 20 di venerdì 9 luglio nei comuni del territorio regionale classificati a rischio moderato ed elevato  si prevedono temperature al di sopra dei valori medi stagionali di 7-8 gradi, soprattutto nella giornata di giovedì e un tasso di umidità che, in particolare nelle ore serali e notturne sul settore costiero, potrà superare anche il 60-70%, in condizioni di scarsa ventilazione.


La Sala Operativa regionale, in considerazione dell’avviso emesso dal Centro Funzionale della protezione civile, invita i sindaci di tutti i Comuni e gli enti competenti a porre in essere le procedure di propria pertinenza relative alla vigilanza per le fasce fragili della popolazione.
Si raccomanda di non esporsi al sole o praticare attività sportive nelle ore più calde. Particolare attenzione devono prestare i cardiopatici, gli anziani, i bambini e i soggetti a rischio. Soprattutto per gli anziani è necessario bere anche se non si sente lo stimolo della sete. Esistono tuttavia particolari condizioni di salute (come l’epilessia, le malattie del cuore, del rene o del fegato) per le quali l’assunzione eccessiva di liquidi è controindicata. Se si è affetti da qualche malattia è necessario consultare il medico prima di aumentare l’ingestione di liquidi. È necessario consultare il medico anche se si sta seguendo una cura che limita l’assunzione di liquidi o ne favorisce l’eliminazione.


Moderare inoltre l’assunzione di bevande contenenti caffeina, evitare bevande alcoliche ed è bene fare pasti leggeri: la digestione è infatti per il nostro organismo un vero e proprio lavoro che aumenta la produzione di calore nel corpo. Riguardo all’impiego dell’aria condizionata, essa va usata con attenzione, evitando di regolare la temperatura a livelli troppo bassi rispetto alla temperatura esterna. Una temperatura tra 25-27°C con un basso tasso di umidità è sufficiente a garantire il benessere e non espone a bruschi sbalzi termici rispetto all’esterno.

Rosario Naddeo

Lascia un commento