INAUGURATO IL PROGETTO ARTISTICO ART&MORE

Venerdì 14 luglio, sul lungomare di Napoli, è stato inaugurato il progetto artistico Art&more.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’Assessorato al Verde, con delega alla creatività urbana del Comune di Napoli, l’Accademia di Belle Arti e realizzata da BAT Italia. Presenti all’evento il Sindaco Luigi de Magistris, Fabio de Pretis, Consumer Marketing Director SEA di BAT Italia, l’assessore Luigi Felaco, il vicedirettore Adriana de Manes e il coordinatore Pellegrino Squillante della Scuola di Pittura dell’Accademia di Belle Arti. L’obiettivo da perseguire è quello di incentivare e sostenere tutte le forme d’arte e di creare una simbiosi tra artisti già noti e aspiranti tali, per dar vita a nuovi lavori e progetti.

Nove famosi street artist contemporanei, come Jorit, Shaone, Iabo, Zeus, Tres, Yele, El Nigro, Cref e Cocchia, hanno scelto Napoli come culla delle loro opere. Al loro fianco hanno collaborato altrettanti nove studenti dell’Accademia di Napoli per realizzare un’opera colossale di street art di trecento metri lineari, creando una mescolanza di temi, generi e colori uniti in perfetta sintonia e armonia.

L’installazione sarà visibile sul Lungomare Caracciolo fino al 21 luglio, aperta al pubblico per essere ammirata e lasciarsi attraversare dai passanti.

Sono innumerevoli gli omaggi alla città e i rimandi a tradizioni antiche di Napoli. Alla fine dell’esposizione, per intensificare il lavoro di sostegno al mondo artistico, l’opera sarà digitalizzata e registrata in NTFe messa all’asta del mercato crypto.art; il ricavato sarà, poi, devoluto ad associazioni artistiche legate al mondo dello spettacolo.

“Dobbiamo ripartire dalla cultura- afferma il Sindaco de Magistris- per spezzare catene vecchie e trovare nuove energie ed orizzonti. Napoli è la città con maggior numero di giovani in Europa e non è possibile che migrino altrove o che non abbiano prospettive nella loro città. L’arte libera e arriva ovunque e porta bellezza dove c’è degrado, disoccupazione e ignoranza. Oggi non facciamo solo cultura, ma politica e sociale.” Prosegue, poi, il de Pretis affermando: “ Siamo orgogliosi dell’evento di oggi e di poter fornire il nostro contributo con ART&more ad un settore martoriato dalla pandemia. Ringraziamo Napoli per la sua accoglienza e il suo sostegno. “La partecipazione al progetto ART&more consente ancora una volta all’Accademia di Belle Arti di Napoli di connettersi al territorio nei contesti culturali e partecipativi di grande impatto sociale.

Attraverso il progetto ideato da 12 giovani artisti, studenti della Scuola di Pittura, e realizzato da 9 di essi, il dire dell’arte si manifesta in un fare diffuso che riguarda le pratiche dell’arte di strada, creando nuovi sistemi di relazione che riguardano, in questo caso, l’utilizzo del linguaggio della pittura tra tradizione e sperimentazione” commenta il prof. Rino Squillante, coordinatore artistico del progetto e dell’Accademia di Belle Arti.

Giovanna Sannino

Lascia un commento