AUTISMO FRA BISOGNO DI TERAPIE ADEGUATE E BUSINESS

A cura di Felice Romano

Dal 4 ottobre tutti i centri convenzionati interromperanno le terapie per i bambini autistici in quanto da tempo la ASL NA3 SUD Campania non paga le prestazioni !

Questo fenomeno capita con una certa regolarità, infatti ciclicamente i genitori di bambini nello spettro vengono ricattati dalla direzione sanitaria dei centri convenzionati , che minacciano sospensione e chiusure perché non ricevono i compensi da parte delle ASL .

È lecito chiedere all’ ASL NA3 SUD perché non eroga i compensi? Soprattutto perché in questo rimpallo di responsabilità e soffocante burocrazia sono sempre i soggetti autistici e le loro famiglie a pagare in termini di disagio per la privazione delle terapie?

Non comprendiamo come non si pensi a pianificare ed organizzare in modo che non succedano più cose così inumane indegne di un paese civile.

INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, CONSAPEVOLEZZA , tutti se ne ricordano solo il 2 aprile (giornata mondiale dell’autismo)!

Ricordiamo a tutti che il lungo periodo di lockdown, che ha fatto tanti danni a tutti, è stato particolarmente duro anche e soprattutto per questi bambini .

Già in passato ci sono state manifestazioni sotto la regione ed anche una interrogazione regionale fatta dalla consigliera Mari’ Muscara’ che aveva sortito L’ effetto di prolungare l’agonia ma purtroppo il problema si è ripresentato e dal 4 ottobre i bambini autistici dovranno per l’ennesima volta fare a meno delle terapie.

Domenica 3 ottobre presso la stazione di Pratola Ponte di Pomigliano d’arco in occasione della presentazione del libro “Laura coraggio” che racconta la storia di Laura una bimba autistica scritto dalla madre prof. Mariarosaria Canzano , una delegazione delle madre di questi bambini faranno un appello alle istituzioni locali affinché si possa affrontare e risolvere una volta per tutte, questo problema !

Lascia un commento