POMIGLIANO: NEGATA CITTADINANZA A PATRIK ZAKY

A cura di Felice Romano

Ripristiniamo la verità !

Giovedì scorso si doveva procedere, dopo un rito lunghissimo e non privo di insidie , dinieghi , rimandi, durato quasi un anno, a concedere la cittadinanza onoraria a Patrik Zaky per il quale dall’ inizio si stavano battendo l associazione “città aperta” ed il partito politico “rinascita”!

L’ iter della cittadinanza è stato alquanto difficile per la circostanza che la maggioranza a trazione movimento 5 stelle era in palese imbarazzo con il ministro degli Esteri, il pomiglianese luigi di Maio che, da ministro , non solo non riusciva a far liberare Patrik da una ingiusta detenzione ma nel frattempo chiudeva accordi commerciali per vendere armi e navi proprio al “domicratico” Egitto che senza motivo detiene Patrik da quasi due anni. Epica una figura indicibile del primo cittadino che durante un consiglio comunale sull’ argomento , nel bel mezzo di una discussione sul tema , si espresse prima a favore e subito dopo aver sentito (probabilmente) il ministro, ritrattò ( In tutto in diretta televisiva ) di fatto prorogando a data da destinarsi il buon esito del procedimento

Dopo un anno e affievolita la pressione del ministro che ormai è sempre più debole a livello nazionale, si sono ricreate le condizioni per arrivare in consiglio comunale a votare per la cittadinanza a Patrik .

Purtroppo però, la cittadinanza non è arrivata e volete sapere perché ?

Perché parte della maggioranza (che da sola poteva approvarla se anche tra loro non ci fossero stati assenti ) e tutta l’ opposizione non si sono presentati!

Di pancia , viene subito da deplorare il comportamento di chi non si è presentato.

Le motivazioni alla base della mancata presenza dell’opposizione sono le seguenti:

Primo
In verità l’opposizione qualora fosse stata presente, non sarebbe stato comunque possibile l’approvazione in quanto, il provvedimento non sarebbe stato “votabile” perchè “tecnicamente” non aveva in precedenza ottenuto il “placet della commissione consiliare di riferimento, che purtroppo in quella commissione, qualche giorno prima la stessa maggioranza non si era presentata.

Questa stessa commissione era stata già nominata ben prima delle elezioni dall’ all’epoca vicensindaco e quella opposizione, che ora e’ maggioranza, anche in quella occasione l’aveva disertata.

Secondo
L’assenza dell’opposizione è , per protestare contro comportamento poco democratico del presidente del consiglio 5stelle, il quale non permette e non permetterà a suo dire, di discutere in pubblico di alcune interrogazioni di consiglieri dell’opposizione circa dei fatti riguardanti il comandante dei vigili urbani di Pomigliano D’arco di fatto minando le caratteristiche principali di un qualsiasi consesso democratico. Se in un anno ci sono state solo 6 riunioni consiliari e non si mettono le opposizioni nelle condizioni di parlare o di suggerire temi all’ordine del giorno , questa e’ la lamentela, visto che avete la maggioranza , votatevi tutti i provvedimenti; questa è la critica.

Per quel che conta il mio pensiero è che su un argomento così importante e che riguarda i diritti umani , tutti dovrebbero fare un passo indietro e si dovrebbero passare la mano per la coscienza. E quindi continuo a definire inadeguati i membri della maggioranza e scellerati quelli dell’opposizione che di fatto, non potendo agire in alcun modo si e’ presa con questo comportamento solo le critiche, opportunamente amplificate da una disinformazione distorta costretta a beatificare pulizie delle strade e matrimoni al comune pur di far vedere che la maggioranza sta facendo qualcosa. La cittadinanza stremata da un anno paradossale ed incredibile fatto di gaffes istituzionali, di nulla politico e di caos generale non ha gradito questo passaggio che, ripeto per me doveva essere evitato e che dimostra una mancanza di compattezza e di leadership anche all’interno della stessa opposizione.

I cittadini non ne possono più di questi politici che in un anno hanno dimostrato di essere inadeguati, impreparati , goffi e soprattutto arroganti.

La maggioranza ed alcune figure istituzionali di primissimo ordine con i loro comportamenti hanno fatto scendere una coltre di nebbia. Vedono ovunque complotti, camorra, guerra contro di loro. Non reggono il passo di una politica che non e’ fatta di fasce da mostrare e manifestazioni buone solo ad autoesaltarsi, ma dovrebbe risolvere i problemi della città. Problemi che invece, sono gli stessi di un anno fa con in più un caos generale ed un apparato comunale in cui c’è “paura”.

Esprimo la mia solidarietà a tutti i dipendenti comunali, che stanno vivendo un periodo “nero” , mai visto. Nonostante i precedenti non fossero dei santi , questa la dichiarazione di tanti , questi stanno davvero esagerando e portando la macchina amministrativa nel baratro.

Tutto ciò dimostra la inadeguatezza di una maggioranza che non ha rispetto per il consiglio comunale ma ciò che è peggio non ha rispetto per l’intera cittadinanza.

Lascia un commento