CIRCOLI DELL’ AVANTI PER LA CITTA’

A cura di Giovanni Esposito

 

 

Dopo 10 anni di assenza, nell’assise comunale della terza città’ più’ importante d’italia siederà di nuovo un riformista, il compagno  Pasquale  Sannino.

abbiamo fatto un lavoro notevole e conseguito un risultato tanto importante quanto meritato.

questo e’ solo l’inizio di un percorso che ci vedrà’ impegnati nella costruzione e nel consolidamento del nostro progetto politico.

la filosofia riformista, progressista, la nostra cultura politica, cari compagni, ci porta ad avere una visione  che pone al centro di tutto la persona e le sue esigenze; la nostra azione politica e’ al servizio del cittadino e non il cittadino al servizio della stessa.

abbiamo l’arduo compito di far crescere il nostro movimento, lo possiamo fare e lo dobbiamo fare creando i circoli “amici dell’avanti” su tutto il territorio cittadino e regionale.

Dobbiamo arrivare all’assemblea nazionale che sancirà, mi auspico, la nascita del nostro partito con una rappresentanza forte ed importante, in termini di qualita’ e quantita’.

Dobbiamo sviluppare una intensa attività’ politica che dovrà’ supportare il compagno pasquale sannino e tutti gli eletti nelle diverse municipalità’.

Dobbiamo far sentire, in maniera tangibile la nostra presenza nell’agorà’ della politica cittadina, porre l’accento su temi importanti come quello della riqualificazione delle periferie, da troppi anni abbandonate a se stesse in uno stato di degenerante degrado.

Rafforzare i collegamenti pubblici tra la periferia e il centro città’, molto spesso scollegati fra loro.

Rivalutare e rafforzare l’aspetto culturale delle periferie, e diminuire il substrato sociale a cui attinge la  manovalanza criminale.

Riaprire i municipi di ogni singolo quartiere e alleviare i disagi odierni che si trovano a vivere i cittadini costretti a spostarsi in altri luoghi della municipalità’.

Ripristinare la funzionalità’ della polizia municipale, come controllo e supporto alle forze dell’ordine presenti già’ sul territorio e migliorare le vivibilità’ dei singoli quartieri cittadini.

Fino ad oggi, tutti noi, abbiamo continuato ad occuparci di politica, a volte in soggezione numerica, diciamolo chiaramente, ora in questa lista civica, ora in quella formazione politica, dove chi più’ chi meno si e’ sentito ospite, talvolta indesiderato.

Oggi, cari compagni, abbiamo la grande opportunità’ di riprenderci i nostri spazi, che da troppo tempo sono vacanti e necessitano di un socialismo riformista che sia in grado di innovare e rinnovare il pensiero politico; oggi abbiamo l’occasione di riaffermare la nostra dignità’ politica con forza ed orgoglio. abbiamo l’opportunità’ di riannodare i fili della storia, la nostra storia, che 30 anni fa e’ stata bruscamente interrotta con un malcelato golpe scientifico e politico, che nulla c’entrava con la nostra politica socialista.

Abbiamo fiducia del neo eletto sindaco Gaetano Manfredi, che abbiamo convintamente appoggiato e votato unitamente al nostro consigliere Pasquale Sannino.

In vari quartieri della città’ si sono aperti circoli “amici dell’avanti”, ma noi dobbiamo dobbiamo continuare nell’opera di rafforzamento laddove siamo presenti e lavorare dove non ancora abbiamo traccia tangibile della nostra presenza politica.

Io mi adopererò’, affinché  in maniera collegiale lavoreremo per aprire almeno un circolo per ogni singola municipalità’.

La nostra attività’ politica deve essere incessante, per crescere sui singoli territori, non mi risparmierò’ per rendere tutto questo possibile, dare il giusto e significativo apporto al nostro consigliere comunale e ai vari consiglieri eletti nelle municipalità’.

Il tutto ci deve consentire di raccogliere tantissime adesioni per riportare  cari compagni, i riformisti nel posto in cui meritano di stare e dunque avanti compagni, avanti insieme il viaggio è appena iniziato, ma con il nostro lavoro sono sicuro che raccoglieremo grandi soddisfazioni.

io ci credo e darò’ tutto me stesso per raggiungere i più ambiti traguardi.

grazie di cuore  e buon lavoro a tutti noi.

Lascia un commento