AGGRESSIONE AD UN MEDICO DELL’ASL NELLA METRO DI ROMA

di Giovanna Sannino

L’ intolleranza è la naturale conclusione quando non si può dialogare. La contrapposizione che sta diventando avversione da parte dei cosiddetti NoVax contro chi si adopera per la somministrazione dei vaccini, sta raggiungendo limiti insopportabili. L’ultimo episodio di violenza contro un medico si è verificato nella metro di Roma, dove una ginecologa di un ASL della capitale è stata insultata, poi minacciata ed infine colpita con una testata.

Il tutto solo perché la dottoressa si è ”permessa” di dire la sua circa le tesi complottiste di alcuni manifestanti che tornavano da un corteo tenutosi per le strade della capitale.

Pare che le centinaia di migliaia di vittime per il contagio Covid, non abbiano sortito alcun effetto sulle coscienze e le condizioni di chi non crede al vaccino o peggio ancora, ritiene che ci sia un complotto sotto questa strage che assistiamo da anni.

Al Medico Romani tutta la vicinanza e solidarietà dell’Avanti ed alla donna un abbraccio, che ci impegna ancor di più bel nostro lavoro di diffusione di ogni idea di progresso e civiltà che are smarrita begli ultimi anni.

Lascia un commento