ALCUNE RIFLESSIONI PER IL SINDACO DI NAPOLI

 

 

di Roberto Buonfantino

La prima : con l’autonomia e velocità di decisioni nella formazione ” completa ” della Sua Giunta Municipale per il Governo di Napoli di Consiglieri comunali eletti dal 46% di Napoletani/e
alle Urna del 4 ottobre scorso, si garantirà l’effettiva qualità per il regolare quanto “buon andamento” dell’ attività amministrativa per la Città. La seconda , ma non ultima : le commissioni,i
consiglieri ed -oramai pochi- la dirigenza seguiranno un “forte potere democratico e pluralista” grazie anche “alla certa digitalizzazione – ai sensi delle ultime norme di riferimento- dell’ Ente
Comune di Napoli”. Pochini i soldi da Roma!.Ma il Nostro 54% di elettorato attivo dei cdd.
Astenuti non lasceranno tempo alle critiche verso la Pubblica Amministrazione e la sua solitaria gestione di governo del Comune e delle Municipalità. Del che, in autonomia, si completi la Giunta
di Napoli “con e per napoletani e napoletane” -eletti/e in Consiglio Comunale- amanti della Città con difetti e bellezze con l’assegnazione di almeno 10 deleghe ai Consiglieri, provenienti da
esperienze e contatti dai quattro punti cardinali di Napoli. Il valore dell’autonomia per questa immediata quanto opportuna e necessitata scelta dai Grandi Partiti, per il Sindaco-persona dott.
Ing. Gaetano Manfredi, se resa in “velocità “, riavvicina la cittadinanza al Suo Primo Cittadino, cosi come è stato apprezzato dopo l’intervento per la ripresadella viabilità del Tunnel di Mergellina,
spendendo 66 ore soltanto. Si dia seguito a ciò ,se non ora quando?.Con immediatezza ,riavviare l’ enorme” macchina dell’ente Comune di Napoli” , ridotta di Dirigenti con poteri di firma. No alle
ansie. Non si abbia paura della “mancanza di soldi”! E’ il Tempo per i Napoletani il ” fattore basilare per le soluzioni alle necessità, gli Euro dopo: che si apra “subito” la gestione diretta della Casa del Comune di Napoli agli Eletti. Si al lavoro costante e qualificato per consiglieri comunali in Giunta perseguendo una cooperazione attiva, rispettando le regole, con le Istituzioni Pubbliche e private, nonchè le Autorità Ecclesiastiche disponibili a liberare il ns. Capoluogo di Regione dall’attuale cd. “Guerra di Liberazione dalle Povertà” di Napoli e della cittadinanza, sempre in costante sofferenza per la lieve ripresa dei contagi-varianti Covid 19.Ora la gestione del Municipio è chiusa ai Rappresentanti degli Eletti “con il popolo e per il popolo napoletano”. Sindaco Manfredi ci liberi dall’ isolazionismo attuale – se si resta cosi’!. Tenere esclusi gli eletti dalla Giunta per Napoli, non si va AVANTI! bene assieme.Noi faremo la nostra parte all’interno dell’area riformista, ma tutti devono dire in “questa” la propria. Come detto dal Presidente Draghi al G.20 in Roma stamani : Andare da soli avanti non è più possibile!

 

Lascia un commento