TENNISTA CINESE SPARITA SENZA LASCIARE TRACCIA

peng-shuai

La tennista cinese Peng Shuai, 35 anni, campionessa e numero 1 al mondo nel 2014 è  sparita senza lasciare tracce  il 2 novembre scorso la tennista ha pubblicato un post sul social Web accusando l’ex vice premier ed ex membro del Partito comunista, Zhang Gaoli, oggi pensionato, di averla costretta ad una relazione e di averla violentata.

Un gesto disperato quello della tennista, perché accusare un ex potentissimo può portare conseguenze “spiacevoli”.

Dal 2 novembre la campionessa è sparita.

Su Twitter è partito l’hastag #dov’e’ Peng?#.

“Sono preoccupata, dateci notizie” è l’appello lanciato di Chris Evert, campionessa degli anni 80 che chiede un inchiesta sul caso.

L’accusa della tennista cinese non è verificata né verificabile, lo ammette lei stesse aggiunge:” si che non hai paura di me, che sono sola come un uovo contro una roccia, ma dirò la verità su di te…”.

Una squallida storia iniziata del 2007, quando Zhang era capo del Partito a Tianjin, città portuale a est di Pechino, il politico la convocò per una partita e fu sottoposta ad una terribile esperienza. Da allora si piego ad una relazione con il potente uomo politico. Successivamente i co tatti furono troncato, ma ripresero nel 2018 quando avvenne la violenza.

Il post è stato cancellato in mezz’ora, ma qualcuno aveva fatto in tempo a copiarlo e farlo circolare. Ad oggi è bloccato e la ricerca con il nome della giocatrice è la parola tennis.

Ora vige la legge del silenzio. E tutto questo risulta ancora più inquietante.

Giovanna Sannino

Lascia un commento