UN RICHIAMO ALLA SINERGIA ISTITUZIONALE:CONTRO LA PREPOTENZA DI DE LUCA

a cura di Felice Iossa

La mia sensazione è che per De Luca la sinergia istituzionale tanto richiamata significhi null’altro che la pretesa subalternità di Napoli. In tutta la campagna elettorale si è parlato di sinergia tra Comune e Regione, per non ripetere il triste teatrino di veti a cui abbiamo assistito nel rapporto tra De Luca e De Magistris in passato.

Ma pare che per De Luca tutto questo non valga nulla, o si fa come dice lui e si obbedisce alla sua linea e al suo dictat oppure si è suoi nemici. Si ha l’impressione che il problema dunque non sia l’interlocutore di turno, prima De Magistris, ora Manfredi, ma proprio lo stesso De Luca.

Il Sindaco di Napoli, ha l’onere e la responsabilità di difendere l’istituzione che presiede e che non può e non deve essere ridotta a feudo di un De Luca che gioca al “Re di Salerno” e “Imperatore della Campania”.

E’ una questione che il PD deve affrontare, il partito di riferimento di entrambe gli interlocutori in gioco non può restare in silenzio dinanzi a questo atteggiamento di prepotenza messo in campo da De Luca con ormai una sorta di consuetudine consolidata ad imporre il proprio pensiero unico, in barba ad ogni tipo di salutare dialogo istituzionale.

Io penso che le forze riformiste devono far sentire la propria voce a sostegno del Comune di Napoli e contro la prepotenza di coloro che ormai più che rappresentare gli elettori e l’istituzione sono divenuti null’altro che dei veri e propri notabili.

Lascia un commento