ISTAT, AUMENTA IL NUMERO DEGLI OCCUPATI IN ITALIA. PER VERONESE DELLA UIL PER USCIRE DALLA CRISI OCCORRE SUPPORTARE IL TESSUTO PRODUTTIVO E LAVORATIVO

Nel report  dell’ISTAT sullo stato dell’occupazione nel nostro paese relativo al mese di maggio, rispetto ad aprile, si registra un aumento degli occupati e una diminuzione sia dei disoccupati sia degli inattivi. La crescita dell’occupazione (+0,2%, pari a +36mila unità) coinvolge gli uomini, i dipendenti a termine e i minori di 35 anni; diminuiscono, invece, le donne, gli autonomi e gli ultra 35enni. Il tasso di occupazione sale al 57,2% (+0,1 punti).La diminuzione del numero di persone in cerca di lavoro (-1,4% rispetto ad aprile, pari a -36mila unità) riguarda le donne e tutte le classi d’età ad eccezione dei (altro…)

IL LAVORO NEGATO E IL LAVORO CHE UCCIDE NELL’INDIFFERENZA GENERALE ANCHE DELLA POLITICA

Il lavoro è il riconoscimento della dignità di un individuo. L’inserimento nella società, il riconoscimento di una condizione frutto di studio, applicazione ed impegno. Il tutto condizionato dal punto di partenza: lo stato sociale dal quale si parte condiziona il risultato finale. Ma ci si adatta a risultati che non corrispondono alle attese, ci si accontenta di quello che la vita consente che è molto meno di quello che si sogna in gioventù. E purtroppo questo “accontentarsi” diventa sempre più diffuso. Le distanze tra chi può sognare, chi li realizza e chi non può nemmeno concedersi un sogno, sono aumentate (altro…)