IL GOVERNO CONTE VOLEVA ELIMINARE LA DISOCCUPAZIONE ANCHE CON L’ INTRODUZIONE DEI NAVIGATOR, CHE ORA A LORO VOLTA RISCHIANO DI ANDARE AD INGROSSARE LE FILA DI PRECARI E DISOCCUPATI. I SINDACATI SI SCHIERANO AL LORO FIANCO

Dovevano aiutare i disoccupati a reinserirsi nel mondo del lavoro, facendo da tramite con le aziende, ma ora i navigator stessi voluti dai 5stelle e dal primo governo Conte, rischiano di diventare un problema irrisolto, i loro contratti sono scaduti in primavera, ma sono stati congelati per la pandemia, con proroga sino a dicembre. Al pari dei navigator rimane un problema irrisolto  quello degli istessi centri per l’impiego dove queste nuove figure dovevano operare. Ora l’ennesimo governo, quello di Draghi, dovrà cimentarsi e cercare di risolvere un problema non da poco, dove i tanti esecutivi che lo hanno preceduto hanno (altro…)

DRAGHI ESPRIME SODDISFAZIONE SULLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO EUROPEO CIRCA IL TEMA DEI MIGRANTI. RIGUARDO ALLA PANDEMIA AVVERTE NON SIAMO FUORI E INVITA A FARE PIU’ TAMPONI E A SEQUENZIARE IL VIRUS E PARLA DI RIFORMARE L’EMA. RIGUARDO ALLA RUSSIA OCCORRE COOPERAZIONE E FRANCHEZZA

di Rosario Naddeo Si è chiuso quest’oggi a Bruxelles il Consiglio Europeo con i leader dei paesi membri dell’UE, per fare il punto sulla pandemia da covid 19, sulla questione dei migranti, sulle relazioni transatlantiche con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e per dibattere anche della situazione nel Mediterraneo orientale, delle relazioni con la Russia, del mercato unico, dell’agenda digitale e del ruolo internazionale dell’euro. Al termine Il presidente del Consiglio, Mario Draghi nella conferenza stampa ha riassunto le decisioni adottate e le posizioni dell’Italia. La seduta del Consiglio Europeo a Bruxelles. Riguardo alla pandemia il premier ha (altro…)

IL PREMIER DRAGHI RIFERISCE IN PARLAMENTO IN VISTA DEL CONSIGLIO EUROPEO DEL 24 E 25 GIUGNO. RIPRESA ECONOMICA, PANDEMIA, IMMIGRAZIONE E POLITIA ESTERA AL CENTRO DEL SUO DISCORSO

di Rosario Naddeo In vista della riunione del Consiglio Europeo di domani 24 giugno il presidente del Consiglio Mario Draghi ha riferito quest’oggi alle Camere parlando in particolare dei temi economici, della pandemia, dell’immigrazione e della politica estera. “La situazione economica europea e italiana è in forte miglioramento, ha sottolineato a riguardo il premier. Secondo infatti le proiezioni della Commissione europea, nel 2021 e nel 2022 l’Italia crescerà rispettivamente del 4,2% e del 4,4%, come il resto dell’Ue. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi Molti degli indicatori segnalano che la ripresa sarà probabilmente ancora più sostenuta. Gli ultimi dati sulla (altro…)

RECOVERY PLAN LA GRANDE OCCASIONE PER INNOVARE E CAMBIARE L’ITALIA. INVESTIMENTI PER 235,6 MILIARDI DI EURO, MA SOLO DOPO AVER REALIZZATO LE RIFORME DI GIUSTIZIA E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Intervista a Piercamillo Falasca, consigliere al Ministero per il Sud e la coesione territoriale della Ministra Mara Carfagna. di Rosario Naddeo Il futuro dell’Italia passa per quelle 269 pagine del PNNR, il Piana Nazionale di Ripresa e Resilienza #NEXTGENERATIONITALIA, meglio conosciuto come Recovery plan, nel quale insieme agli obiettivi generali e alle riforme necessarie vengono indicate le sei missioni che intende compiere. 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività culturale e turismo. 2 – Rivoluzione verde e transizione ecologica. 3 – Infrastrutture per una mobilità sostenibile. 4 – Istruzione e ricerca. 5 – Inclusione e coesione. 6 – Salute. Le risorse disponibili (altro…)

L’ AUTOGOL DI MARIO DRAGHI

di Pino Campidoglio Premessa Ho letto quasi tutto il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ed ho seguito l’intero intervento di Draghi in Parlamento per l’ illustrazione ed approvazione. Dopo tutte le discussioni e dibattiti improvvisati, sappiamo finalmente: quali sono gli interventi previsti, quante le risorse da investire, e quali le priorità assegnate. In Parlamento, Draghi, ha detto che: Il suo Primo obiettivo era quello di “riparare i danni della Crisi pandemica”; Il Secondo obiettivo, era quello delle Riforme, senza le quali, l’economia italiana, difficilmente potrà riprendersi, con o senza il PNRR; e se l’economia non riparte, difficilmente il (altro…)