EURO 2020 – PARLA GIACOMO RASPADORI IL PREDESTINATO DI MANCINI

Nel calcio vi sono dei predestinati, soprattutto se i loro allenatori hanno il fiuto per i campioni in erba, così fu per Francesco Totti che Vujadin Boskov fece esordire nella Roma a 16 anni, così è stato più recentemente per Donnarumma nel Milan con Sinisa Mihajlovic, ma anche i commissari tecnici della nazionale hanno avuto occhio per talenti da gettare nella mischia più feroce, nella bolgia impietosa di un mondiale o di un europeo. Fu così per Beppe Bergomi che si ritrovò campione del mondo a 18 anni grazie al coraggio di Bearzot. Il CT della nazionale italiana Roberto Mancini. (altro…)