UN’EMANCIPAZIONE PERENNEMENTE IN NUCE

a cura di Raffaella Carannante Nel “Gattopardo” di Tomasi di Lampedusa leggiamo ancora una verità assoluta: tutto cambia perché nulla cambi. Quella della donna e del suo ruolo nella società di ieri come di oggi, altro non è che la lunga storia di una discriminazione tollerata, perché data come biologicamente determinata, quindi come fatto naturale e non culturale, rendendola in tal modo accettabile alle donne stesse. Ecco, quindi, come nei secoli la differenza di genere strumentalizzata ha determinato specifici percorsi di costruzione della realtà sociale dell’uomo e della donna e delle loro dinamiche relazionali. Questo contesto storico, culturale e sociale, nel cui ambito un (altro…)